Veliero_(3)

Una storia vera

 

VELE E APPRODI

Il legame di Arenzano con il mare è antico e profondo. Secondo alcuni questo richiamo alla gente di mare è presente già nel nome.

L’etimo più probabile, e anche più seducente, sarebbe infatti “arensen” che riecheggiava nel grido dei marinai quando, in vista di Capo San Martino, esclamavano “en sen” per indicare l’insenatura ospitale, il riparo dalla tempesta.

CORSARI E CARPENTIERI

Un celebre Atlante del XVIII secolo descrive Arenzano come cittadina di marinai, corsari e costruttori di navi. Il popolare Capitan Romeo, che combatté a fianco dei Francesi nella guerra di successione spagnola, pare abbia ispirato a Emilio Salgari la figura del suo Corsaro Nero.

CANTIERI NAVALI

Vanto di Arenzano erano anche i cantieri navali, presso i quali, fino alla metà del Novecento, prestavano la loro opera impareggiabili maestri d’ascia, carpentieri e calafati.

TURISMO DI MARE E DI TERRA

Quest’anima marinara d’Arenzano è stata una costante del suo sviluppo fino ai primi del Novecento.
Il turismo ha poi tramutato questa antica vocazione in ospitalità, testimoniata anche da molte architetture di pregio.

ARCHITETTURA

Le case sulla marina di Arenzano recano la firma architettonica di Ignazio Gardella, un Maestro dell’architettura del Novecento. Il nucleo residenziale a ridosso del promontorio di Capo San Martino ingentilisce la costa e il porticciolo , con un insieme classico e ben proporzionato di linee architettoniche tipiche del paesaggio ligure.

MENU
Responsive Menu Clicked Image